CONOSCERE LONDRA

Gli aeroporti di Londra

  • London City Airport è quello usato maggiormente per i viaggi d’affari e collega Londra al resto dell’Europa. Fra le compagnie che collegano questo aeroporto all’Italia troviamo solamente l’Alitalia con voli da Milano e Roma.
  • Heathrow è il più grande fra gli aeroporti di Londra, soprattutto usato per i voli intercontinentali. Le compagnie aeree che effettuano voli da Heathrow per l‘Italia sono la  British Airways e Alitalia.
  • Gatwick è il secondo aeroporto più trafficato in UK e l’ottavo nel mondo. È l’hub principale della Easy Jet, la principale compagnia low cost inglese.
  • Luton è il quarto aeroporto di Londra per grandezza e numero di passeggeri. Il maggior numero di voli sono operati da WizzAir, Easy Jet e Ryanair offre vantaggiosi servizi per l’Italia.
  • Stansted è Il quinto aeroporto per traffico aereo nel Regno Unito e base principale della regina delle compagnie low cost in Europa: la Ryanair. Ma anche Eurowings e Easyjet. Tutte insieme offrono una copertura completa di tutta l’Italia.

London Tube, la metropolitana

La Tube possiede 11 linee della metro. Approssimativamente aperte dalle 5 del mattino alla 1 di notte. Durante la peak-hour (ora di punta) sulle linee principali si possono avere treni ogni 1 – 2 minuti, mentre “off peak” (fuori dall’ora di punta), anche ogni 10 – 15 minuti, ma con una media attorno ai 5 minuti. Da agosto 2016 le linee Central, Jubilee, Northern, Piccadilly e Victoria, effettuano un servizio 24/h durante i weekend. Le linee che effettuano il servizio notturno hanno una frequenza di 10 – 20 minuti.

Le tariffe della London Tube sono stabilite dalla TFL (Transports for London) e dipendono dalla zona e dagli orari: Londra è divisa in 9 zone e il costo dei biglietti dipende dalla zona di partenza e da quella di arrivo. Alcune fermate della metro di Londra possono essere al confine tra due zone. In questo caso, si applica la tariffa più economica. Per esempio, se si viaggia da zona 2 ad una fermata al confine tra zona 2 e 3 la fermata verrà considerata zona 2. Ma i costi variano anche a seconda dell’orario. Durante le ore di punta (6.30 – 9.30 e 16 – 19 dal lunedì al venerdì) si ha una tariffa maggiore. Le corse notturne applicano una tariffa non maggiorata.

Un altro fattore che influenza le tariffe della Tube, è il metodo di pagamento. La metro londinese è costosa rispetto a quella di altre capitali europee.

Come pagare sui mezzi di trasporto?

  • Paper tickets: Sono I biglietti di carta e possono essere giornalieri, settimanali e di gruppo. Questi si fanno alle stazioni metro e sono i più costosi.
  • Oyster card: è una carta ricaricabile stile fototessera che ogni londinese ha e permette di viaggiare a tariffe più vantaggiose.
  • Contactless Card: Da pochi anni è possibile pagare i viaggi giornalieri, “Pay as you go”, cioè con una carta di credito o debito contactless. Se la tua carta possiede questa opzione, tutto quello che dovrai fare sarà appoggiarla all’entrata e all’uscita sul lettore giallo presente in tutte le stazioni metro.
  • Apple Pay: è il metodo di pagamento della Apple che consente di effettuare pagamenti contactless tramite iPhone (dal 6 in poi) e da Apple Watch.
  • Google Pay: è sempre un metodo di pagamento contactless, questa volta però firmato Google. Per sapere se il tuo dispositivo Android ti permettere di utilizzarlo, devi solo vedere se ti è possibile scaricarlo dal tuo Google Play.
  • Mobile contactles: Alcune banche permettono di scaricare le loro app sul cellulare e poter pagare contactless tramite quelle. Sulla London Tube, si possono utilizzare le carte della Barclay (Barclaycard or debit car) collegate alla relativa app (Barclaycard or Barclay mobile banking app).

Conoscere i supermercati inglesi

Sicuramente una delle preoccupazioni quando ci si trasferisce in un altro paese è il cibo, in particolare la paura di non trovare ciò a cui siamo abituati. Qui a Londra troverai una scelta sorprendente di piatti pronti e conserve, ma anche numerosissimi prodotti etnici solo da scaldare. Tutti i supermercati in Inghilterra hanno ognuno le sue particolarità:  

TESCO: il numero uno dei supermercati inglesi. I prezzi sono generalmente nella media, ma variano a seconda del tipo di Tesco che frequenti:  Tesco Express, Tesco Metro, Tesco Superstore e Tesco Extra.

SAINSBURY’S: Numero due nel Regno Unito, questo supermercato è molto simile a Tesco.  I prezzi sono più alti rispetto a Tesco ma rimangono comunque nella media, e anche in questo caso i negozi più piccoli hanno prezzi più alti. Un quinto dei prodotti venduti sono marchio Sainsbury’s e sono spesso apprezzati per la loro qualità. 

ASDA: è il terzo supermercato inglese, I suoi punti vendita sono spesso molto grandi, aperti 24h/24 e oltre al cibo si trovano vestiti. I prezzi sono più bassi della media e il rapporto qualità prezzo è ottimo, con una vasta scelta di prodotti nazionali e internazionali. 

MORRISONS: I prezzi sono contenuti e i prodotti venduti sono di qualità, con un’ottima selezione nei reparti panetteria, carne e pesce. Come tutti i supermercati principali Morrisons offre la possibilità di consegna a domicilio.  

LIDL e ALDI: I giganti del discount tedeschi, presenti anche in Italia, sono molto amati in Inghilterra. Essi sono i principali competitori di Tesco e offrono prodotti di buona qualità a prezzi ridotti. Ogni anno Lidl propone la Italian weekuna settimana in cui la catena mette in risalto prodotti italiani come vino, pasta e gelati con offerte molto interessanti. 

WAITROSE: è il supermercato del department store John Lewis & Partnership. La qualità dei loro prodotti è ottima ma i prezzi sono molto più elevati della media. Questo supermercato offre una vasta selezione di carni, pesci e formaggi, oltre ad un’ottima scelta di prodotti internazionali. 

CO-OP Supermercati noti per la loro etica. I prezzi sono leggermente più cari della media, ma restano comunque accessibili. 

MARKS & SPENCER si trova abbigliamento e cibo. I prodotti venduti sono principalmente di marchio proprio, con prezzi molto più alti della media. Questi supermercati sono spesso frequentati durante l’ora di pranzo per la loro vasta selezione di panini e insalate pronte, ma si possono anche trovare prodotti più rari. 

ICELAND il supermercato dove si trovano soprattutto prodotti surgelati, ma nei punti vendita più grandi si trovano anche prodotti di tutti i giorni come latte, cereali, frutta e verdura. I prodotti freschi non sono della massima qualità, ma i prodotti surgelati sono spesso buoni ed economici. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Rimani sempre aggiornato sulle nostre proposte!

Translate